Vai al contenuto

Come preparare un pane azzimo proteico e funzionale per i muscoli e l’intestino

E chi l’ha mai detto che il pane non possa essere un alimento funzionale al benessere?
Tutto è relativo agli ingredienti che si vogliono utilizzare per prepararlo.
Il pane possiede una ricetta molto semplice: farina, acqua e sale.
Poi, a seconda del tipo di ricetta con o senza lievito, vi sono molteplici varianti gastronomiche.

Il pane acquistato al supermercato, quello confezionato, sull’etichetta presenta molti ingredienti estranei alla naturale e tradizionale ricetta di quest’importante e simbolico alimento della nostra cultura.
Senza dubbio ci sono anche ottime varianti di pane acquistabili presso i panifici di fiducia. Odore meraviglioso quello del pane emanato dentro e fuori quei negozi.

Però, non c’è storia tra quello acquistato e quello prodotto con amore e con le proprie mani a casa propria. E’ molto semplice farlo ci vogliono solamente il giusto equilibrio tra gli ingredienti ed un pò di pazienza.

Il pane con farina integrale a lievito madre è sicuramente la versione più importante di pane dal punto di vista nutrizionale, perchè oltre ad apportare sali minerali, proteine e fibra, nutre anche la flora batterica intestinale grazie ai probiotici, che ne migliorano la peristalsi e lo proteggono dagli agenti patogeni, com’era stato detto in quest’articolo.

Oggi voglio proporre una variante del pane azzimo. Un pane senza lievito con delle caratteristiche nutrizionali e funzionali specifiche a dare supporto ai muscoli, cellule ed intestino, grazie all’ elevato apporto di amminoacidi essenziali, prebiotici e vitamine del gruppo B .

Ingredienti per una teglia da forno
:

  • 100gr di farina di piselli
  • 100gr di farina di farro
  • 100gr di farina di grano saraceno
  • 60gr di farina di grano tenero
  • acqua q.b.
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • 5 foglie essiccate di sedano
  • 5 fiori di timo essiccati

Preparazione:

  1. Sminuzza col mulino a pietra di corindone per farine: 500gr di piselli secchi fino ad ottenere una farina con grani fini. Quindi fare lo stesso con i chicchi di farro, di grano saraceno e quelli di grano.
    Per la farina di grano selezionare un diametro di macina non troppo fino, per mantenerla semintegrale.
  2. In una boule di bamboo, acciaio o di vetro unisci le prime tre farine al sale, all’acqua e quindi ad un paio di cucchiai d’olio extravergine d’oliva mescolandolo con un cucchiaio di acciaio.
  3. Continua a mescolare l’impasto aiutandoti con le restanti parti di olio e farina di grano, fino a che l’impasto sarà morbido ma con un livello d’umidità tale da non attaccarsi alle pareti del contenitore.
  4. Porta l’impasto con le mani su un tagliere e continua a incordarlo, utilizzando i palmi, aggiungendo poco alla volta anche la restante farina di grano, fino ad ottenere dopo circa 4-5 minuti un impasto omogeneo e morbido. Durante la lavorazione aggiungere all’impasto il pepe, i fiori di timo essiccati e le foglie di sedano essiccati con l’essiccatore domestico.
  5. Con l’atto della pirlatura, farai una palla, utilizzando la punta delle dita in moto rotatorio alla base, e quindi dopo averlo messo nella pellicola trasparente, lo farai riposare in frigo per circa un’ora.
  6. Tira fuori dal frigo l’impasto, e lavoralo ancora un attimo sul tagliere. Con un mattarello appiattisci delicatamente fino ad ottenerne una schiacciata con un massimo di 1cm d’altezza.
  7. Nel forno a 250°C il pane sarà pronto in circa 20 minuti

A fine cottura potrà essere mangiato semplicemente con dell’olio extravergine d’oliva e pomodori secchi, oppure come accompagnamento zuppe autunnali piuttosto che hummus di ceci o guacamole.

Ottenere delle farine direttamente dal chicco con la macinatura a casa propria ci permette di sostenere il lavoro delle aziende agricole e di abbassare l’impatto ambientale dato dall’inquinamento del trasporto della materia prima e abbassare i costi dati dalla lavorazione e distribuzione del prodotto finito. Inoltre lavorare la materia prima integrale a casa nostra ci permette di ottenere maggiori benefici nutrizionali e mangiare con una qualità superiore.

Il sapore del pane fatto in casa con farine macinate da sè è ci ricorda l’esperienza dei nostri avi, ci riporta in stretto contatto con la terra e la tradizione del nostro Paese concedendoci il lusso di rivivere la vera essenza del pane, così importante e nutriente.

Alexander Pincin

pane-azzimo-funzionale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.